Offerte del mese di marzo

A partire dal primo del mese vi aspettiamo nella nostra Farmacia per scoprire le eccezionali offerte su una vastissima gamma di prodotti. Nell’immagine potrete visualizzare una selezione dei principali articoli scontati:

offerte mese di marzo

Giornata Mondiale della Vista 2016

Il 13 ottobre si celebrerà la Giornata Mondiale della Vista organizzata dall’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità-IAPB Italia Onlus e l’OMS. Quest’anno l’Italia ha deciso di dedicare la giornata alla prevenzione della retinopatia diabetica una condizione patologica profondamente debilitante che colpisce circa 147 milioni di persone su 422 milioni di diabetici.

Il diabete è una malattia proGiornata mondiale vista 2016vocata dalla mancata capacità dell’organismo di sfruttare gli zuccheri in maniera corretta, per cui si ritrovano alte concentrazioni di glucosio nel sangue, condizione conosciuta come iperglicemia. Tale situazione in tempi rapidi porta ad un danneggiamento dei vasi sanguigni di tutto l’organismo e in particolar modo quelli di minor diametro, compresi i capillari della retina. Le complicanze oculari del diabete, dette appunto retinopatia diabetica, possono portare alla perdita parziale o anche totale della vista.

Sul sito http://www.iapb.it/gmv2016/ potrete scoprire le iniziative promosse per una corretta prevenzione che può essere di grande aiuto per salvare la vista e migliorare la qualità della vita del paziente.

Presso la nostra Farmacia ricordiamo che è possibile controllare, in maniera rapida ed accurata, i valori glicemici. Vi aspettiamo in Via Piave 24 ad Albenga, quartiere Vadino.

Eritema Solare, conoscerlo e proteggersi 

La pelle è l’eccezionale confine tra l’organismo e l’ambiente esterno. Pur rappresentando una poderosa barriera alle sollecitazioni chimico-fisiche e alle radiazioni solari, non è esente da incorrere in problematiche più o meno gravi che, in maniera particolare nella stagione estiva, possono manifestarsi con violenza a causa della maggior esposizione ai raggi UV.

Tra le linee guida che il ministero della Salute ha predisposto per sensibilizzare la popolazione ne indichiamo e citiamo testualmente alcune che riteniamo possano essere utili:

– per promuovere la sintesi della vitamina D, benefica per ossa, muscoli e sistema immunitario basta esporsi al solo per pochi minuti al giorno. E’ vero che una pelle abbronzata può apparire più sana, ma bisogna sapere che l’abbronzatura è un meccanismo di difesa della pelle per difenderci dai danni dei raggi ultravioletti (UV). Tale meccanismo di difesa attiva i melanociti, cellule specializzate nella produzione di un pigmento, la melanina, che rende la pelle più resistente ai danni immediati, le scottature solari, e ritardati nel tempo come il precoce foto-invecchiamento e la cancerogenesi
– le creme con filtro solare devono essere considerate un aiuto per una abbronzatura corretta e non un lasciapassare per esposizioni troppo prolungate.
il fattore di protezione (SPF) deve essere inversamente proporzionale al proprio fototipo: tanto più la pelle è chiara e quindi sensibile ai raggi solari tanto maggiore deve essere l’SPF. E’ importante usare le creme con filtri solari per integrare, ma non per sostituire, i metodi fisici di protezione dalle radiazioni UV (indumenti, cappello, occhiali, ombra) soprattutto nelle ore centrali e più calde della giornata.
Gli autoabbronzanti hanno solo un effetto cosmetico e non “preparano” la pelle al sole.
– Le lampade solari UVA sono da considerare un ulteriore rischio per l’insorgenza dei tumori della pelle e sicuramente accelerano l’invecchiamento cutaneo provocando un aumento delle rughe e delle macchie, anch’esse non hanno alcun effetto protettivo rispetto ai raggi solari.
– l’uso delle lampade solari è vivamente sconsigliato ai minori di diciotto anni, alle donne in stato di gravidanza, a coloro che soffrono o hanno sofferto di tumori della pelle.

Dobbiamo ricordare inoltre che tra le più importanti forme di prevenzione, se non la prima, vi è la corretta alimentazione caratterizzata dall’assunzione di cibi ricchi di sostanze antiossidanti quali vitamina C, vitamina E, zinco, selenio e beta-carotene sempre accompagnati da una adeguata e continua assunzione di liquidi.

Per contrastare sgradevoli peggioramenti degli eritemi solari e facilitarne la risoluzione rappresenta sempre più un validissimo sostegno l’omeopatia. Solo per citare alcuni tra i rimedi clinicamente più utili: Belladonna (sensazione è di forte calore locale con arrossamento generalizzato e dolore); Chantaris (ustioni con vescicole e forte bruciore); Apis (quando prevale l’edema rosato orticarioide). Vanno comunque sempre considerati i sintomi individuali, quelli concomitanti e le modalità con cui migliora o peggiora la sintomatologia, la cura perciò va sempre individualizzata, per far questo è consigliabile rivolgersi al medico omeopata o al farmacista specializzato in omeopatia.

L’ipertensione arteriosa

Il 17 maggio avrà luogo la XII Giornata Mondiale contro l’Ipertensione, una campagna a favore della popolazione per tenere sotto controllo la pressione arteriosa e per prevenire le malattie cardiovascolari. La Farmacia Vadino aderirà a questa giornata e i nostri farmacisti saranno a disposizione per effettuare misurazioni gratuite della pressione arteriosa.

wp_ss_20160425_0001

Nell’ottica di questo spirito di sensibilizzazione trasmettiamo qualche informazione tratta dal sito del Ministero della Salute:

“La pressione arteriosa è la forza esercitata dal sangue contro la parete delle arterie. A ogni battito del cuore, il sangue esce dal ventricolo sinistro attraverso la valvola aortica, passa nell’aorta, e si diffonde a tutte le arterie.  Quando il cuore si contrae e il sangue passa nelle arterie, si registra la pressione arteriosa più alta, detta ‘sistolica’ o ‘massima’; tra un battito e l’altro  il cuore si riempie di sangue e all’interno delle arterie si registra la pressione arteriosa più bassa, detta ‘diastolica’ o ‘minima’. La misurazione della pressione si registra a livello periferico, usualmente al braccio  e  viene  indicata da due numeri che indicano la pressione arteriosa sistolica e la diastolica, misurate in millimetri di mercurio (es. 120/80 mmHg).

Quando i valori di sistolica e/o di diastolica superano i 140 (per la massima) o i 90 (per la minima), si parla di ipertensione.

A soffrire di ipertensione si stima che siano circa 15 milioni di italiani, ma circa la metà di questi ne è consapevole. Controllare regolarmente la pressione arteriosa e mantenerla a livelli raccomandati attraverso  l’adozione di  uno stile di vita sano  e assumendo specifiche  terapie laddove necessario, è fondamentale, poiché questa condizione rappresenta il fattore di rischio più importante per l’ictus, quindi per  le malattie legate all’invecchiamento (disturbi della memoria, disabilità), nonché per l’infarto del miocardio, gli aneurismi, le arteriopatie periferiche, l’insufficienza renale cronica, la retinopatia..

Secondo la classificazione del JNC 7 (Joint National Committee on Prevention, Detection, Evaluation and Treatment of High Blood Pressure) si considera ‘normale’ una pressione sistolica inferiore a 120 mmHg e una pressione diastolica inferiore a 80 mmHg. Al di sopra dei 140 mmHg di massima o dei 90 mmHg di minima si è ipertesi. Si parla di ipertensione ‘sistolica isolata’ quando è solo la massima ad essere alta (cioè 140 mmHg).

Classificazione dell’ipertensione arteriosa secondo il JNC 7

Pressione sistolica (in mmHg) Pressione diastolica (in mmHg)
Normale 90-119 60-79
Pre-ipertensione 120-139 80-89
Ipertensione stadio 1 140-159 90-99
Ipertensione stadio 2 ≥ 160 ≥ 100
Ipertensione sistolica isolata ≥ 140 ≤ 90

 

Omeopatia e Metodo Sperimentale

Eppur guarisce!

Omeopatia e metodo sperimentale

Fernando Piterà – Medico Chirurgo, Docente di Omeopatia, Fitoterapia e Bioterapie, Corso di perfezionamento in medicine non convenzionali e tecniche complementari, Università di Milano

Gli uomini hanno per natura più paura della verità che della morte (S. Kirkegaard)

 

Il Dottor Mario Pagano di Acireale, uno dei più illuminati e preparati maestri di Omeopatia, dal quale ho avuto il privilegio di apprendere molto di quello che oggi è il mio bagaglio di conoscenza in medicina omeopatica, durante le sue lezioni soleva dire: «L’Omeopatia non è una medicina alternativa, ne un’alternativa alla medicina: è il campo di passaggio tra la medicina chimica e la medicina fisica».
Parole queste che condensano una conoscenza profonda e un sapere equilibrato dei due metodi scientifici, una chiara consapevolezza di entrambe le possibilità terapeutiche che non si annientano a vicenda ma si delimitano in distinti campi di azione e competenze. Tutto ciò richiede non solo una mente aperta e libera da pregiudizi, ma implica la capacità di esaminare e riesaminare il proprio sapere senza smarrirsi. A questo punto il giudizio e il termine di paragone dei due metodi conosciuti esercitati con eguale bravura assume molto più valore dell’opinione pregiudizievole di altri colleghi, i quali, ignorando l’Omeopatia e le leggi terapeutiche che la governano, possono esprimere solo i già scontati e beceri pareri, senza aver mai avuto alcun mezzo di confronto. Infatti, è proprio nella conoscenza e nella padronanza degli strumenti offerti dalla medicina ufficiale che il medico omeopata può trovare il più valido mezzo di verifica, di confronto e di giudizio del valore della medicina che esercita. Se così non fosse, l’applicazione di un qualsiasi metodo terapeutico sarebbe soltanto un atto inconsapevole e irresponsabile. Nel curare una qualsiasi forma morbosa il medico deve sempre chiedersi quale metodo terapeutico abbia mai dato i risultati più apprezzabili, più attendibili e più duraturi nel trattamento di una data patologia e comportarsi di conseguenza.
Se è auspicabile che la ricerca e il mantenimento dello stato di salute o di benessere da parte dell’uomo non debba essere necessariamente relegata entro i limiti dello scibile accreditato alla medicina accademica, se è vero che il trattamento omeopatico permette solitamente di curare e guarire in maniera dolce e duratura molte malattie, è altrettanto vero che nulla è più fallimentare di un dogmatismo sterile e schematico o, ancora peggio, di un fanatismo settario che impone l’uso di un solo sistema terapeutico escludendo a priori altre terapie, quando queste risultano essere necessarie. La posta in gioco può essere molto alta sia per il medico che per il paziente; la perdita dell’equilibrio professionale in entrambi i casi può essere fonte di errori e disastri.

Un medico, prima di imboccare la via della Omeopatia, che per molti aspetti è ben più lunga e impegnativa della medicina accademica, dovrebbe avere una ineccepibile preparazione professionale ed un’ esperienza pluriennale in medicina classica e poi compiere il difficile percorso di studio e confronto.
Ma domandiamoci serenamente quale medico, già saturo di problemi, assillato e sopraffatto dalle mille responsabilità quotidiane, con la mente cristallizzata nel nozionismo convenzionale e relegata nell’ortodossia imperante, intrappolato nello scientismo dogmatico, inconsapevolmente addomesticato ad adorare protocolli terapeutici ed emergenti miti di tecnologia dicotomizzante, indottrinato a puntino dalla letteratura scientifica delle multinazionali del farmaco; quale medico, dicevo, pur di fronte alla rivelazione di un nuovo metodo di cura, potrebbe ridiscutere se stesso, il proprio operato e ricominciare a studiare con profitto una nuova scienza terapeutica che richiede altrettanti anni di studio e di applicazione, scartando la sicurezza della propria routine professionale e i benefici della posizione faticosamente raggiunta per ricominciare tutto da capo? Un’accettazione di questo tipo, una “conversione” in tal senso, significherebbe inoltre aderire a una pratica che è ancora biasimata e appena tollerata dal pensiero accademico ed esporsi a nuove responsabilità nella propria “missione” o “passione” quotidiana. Eppure a molti dei più grandi medici nella storia della Omeopatia è successo proprio così: quando ormai avevano raggiunto alte mete professionali nella medicina ortodossa, essi rinunciarono, nel pieno della loro carriera, agli agi e alle sicurezze, sfidando le critiche dei colleghi increduli, per seguire gli imperativi della loro coscienza. Solo crisi di coscienza? Macché! Semmai crisi di conoscenza dovuta al confronto. Non credo esista un solo caso, nella storia dell’Omeopatia, di una qualsiasi persona che si sia affidata o convertita all’Omeopatia per “fede scientifica”. L’Omeopatia ha resistito e resiste da oltre 200 anni a mode e stili cangianti, sia in medicina che in cultura. Tutti, medici e pazienti che hanno creduto o si sono convertiti all’omeopatia, lo hanno fatto in seguito alla propria guarigione o a quella dei propri familiari, degli amici o del proprio cane; oppure sono ricorsi ad essa per trovare sollievo dai propri mali solo quando le cure della medicina accademica avevano miseramente fallito il loro compito. E non mi si venga a dire che gli ormai noti Silvio Garattini e Piero Angela, o l’oppositore di turno della Omeopatia, un tale Stefano Cagliano, e ahimè, ultimamente anche il Nobel per la Medicina Rita Levi Montalcini, da qualche parte hanno più volte detto e scritto che L’Omeopatia è solo acqua fresca!
Dirò quindi subito che un altro autorevole e duplice Premio Nobel la pensava esattamente al contrario! Mi riferisco a Madame Curie (Marie Curie), scopritrice del Polonio, del Radium e della curiterapia (o radiumterapia); unica donna nella storia del pensiero scientifico occidentale insignita due volte del Nobel: uno per la Fisica (1903) e uno per la Chimica (1911). Ebbene, Madame Curie era una convinta assertrice e praticante dell’Omeopatia, così come il suo sposo e collaboratore Pierre, anch’egli premio Nobel per la Fisica, e come suo nonno, il quale addirittura fu uno dei pionieri che portarono l’Omeopatia in Inghilterra. Prima tra le donne a salire su una cattedra alla Sorbona, Marie Curie non è stata soltanto l’unica donna ad aver ricevuto una cattedra in Fisica alla Sorbona, ma è anche la prima donna ad essere stata trasportata, dopo la sua morte, nel Pantheon di Parigi, dove riposa accanto a Voltaire e Victor Hugo.

Se vuoi continuare la lettura puoi accedere e scaricare l’articolo in formato PDF cliccando qui di seguito:

Piterà_Omeopatia e metodo sperimentale

Un pò di storia

BREVE STORIA DELLO SVILUPPO DELL’OMEOPATIA IN ITALIA E DEI RAPPORTI COL VATICANO

Dott. Fernando Piterà
Medico – Chirurgo (Genova)
Condirettore e saggista della rivista Anthropos & Iatria: Rivista italiana di Studi e Ricerche sulle Medicine Antropologiche e di Storia delle Medicine.
Vice Presidente dell’Associazione Scientifica Internazionale per la Ricerca, lo Studio e lo Sviluppo delle Medicine Antropologiche.

L’Omeopatia nacque circa 200 anni or sono in Sassonia dalle sperimentazioni e dalle geniali osservazioni della mente innovatrice di Samuel Friedrich Christian Hahnemann (1755-1843). Nonostante gli attacchi più feroci e l’esplicita condanna della classe medica imperante, il nuovo metodo terapeutico si diffuse ben presto in Europa seguendo il corso degli eventi bellici. Prima in Germania dove nacque, e poi in Austria, e subito dopo in Italia al seguito delle truppe austriache e successivamente in Francia, Inghilterra, in Asia e nelle Americhe.
La diffusione dell’Omeopatia in Italia avvenne al seguito delle truppe austriache chiamate, nel 1821, dal Re Ferdinando I a seguito delle sommosse avvenute nel Regno di Napoli. L’Omeopatia era già profondamente affermata e diffusa fra i medici militari dell’armata austriaca che all’epoca presidiavano il Nord Italia. Molti dei Medici militari al seguito dell’armata comandata dal Generale Barone Köller praticavano l’Omeopatia apertamente e ufficialmente, favoriti anche dal fatto che il Dottor Marenzeller, Medico in capo alle armate austriache, era un Omeopata e che Carlo Filippo, Principe di Schwarzenberg, Feld-Maresciallo austriaco, era stato un paziente di Hahnemann.
Tra i Medici militari tedeschi, fu il Dott. Necker di Melnik quello che più contribuì alla diffusione dell’Omeopatia in Italia; egli aprì a Napoli un dispensario e attorno a lui si coagularono quei discepoli che poi saranno i principali artefici della storia dell’Omeopatia di Napoli, i Dottori: Cosmo de Horantiis, Francesco Romani e Giuseppe Mauro.
Agli esordi (1822-1830) lo sviluppo dell’Omeopatia in Italia fu decisamente difficile, malgrado fosse apertamente favorita dai Borboni. Hahnemann aveva ideato un nuovo metodo terapeutico basato sulla sperimentazione e sull’esperienza clinica, non una teoria scientifica astratta e lontana dai bisogni dei pazienti. Nella storia del pensiero medico occidentale Hahnemann è il primo e unico Medico-pensatore che rompe completamente con tutti gli schemi scientifici, mentali e metodologici sino ad allora conosciuti in medicina.
È il primo che nella storia della medicina sperimenta farmaci su uomini sani (volontari) per capirne gli effetti e la patogenesia delle sostanze. Egli aveva infatti tratto il suo metodo descritto nelle sue opere dall’osservazione clinica realizzata su migliaia di pazienti, durante la sua attività quotidiana, e dalla sperimentazione delle sostanze medicamentose sull’uomo sano applicando fino all’esasperazione il metodo Galileiano: osservare attentamente ciascun fenomeno naturale, risalire dall’osservazione di più fenomeni alla ricerca della legge naturale che li governa, riprodurre il fenomeno seguendo la legge che lo ha prodotto.
È il primo Medico che adotta il periodo di quarantena nelle epidemie di colera e separa i malati da quelli non ancora contagiati. È il primo che considera l’ammalato nella sua globalità di mente, corpo e ambiente; è il primo che pone attenzione sui sintomi eziologici, il primo che si adopera per condizioni più umane verso i malati di mente, ecc.; prima di lui nessun altro Medico aveva osato spingersi tanto avanti. Fu perseguitato e ferocemente osteggiato dalla classe medica imperante. Hahnemann offriva quindi ai suoi contemporanei un nuovo mondo terapeutico, con una diversa concezione della medicina, ma soprattutto con nuovi medicinali più sicuri ed efficaci. L’applicazione di questa nuova metodica terapeutica era però più complessa e presupponeva un lungo studio, un attento esame del paziente e una scrupolosa sintesi dei dati clinici. La sua opera ed il suo metodo furono pertanto oggetto di diatriba e di accese discussioni che durano tutt’ora.

Se vuoi continuare a leggere puoi accedere all’articolo in formato PDF cliccando qui di seguito:

Breve Storia dell’Omeopatia in Italia_Dr. F. Piterà